La crescita dei Nomadi Digitali

SCARICA ARTICOLO

Il numero di dipendenti a tempo pieno che si definiscono nomadi digitali è raddoppiato dal 2020 negli USA. Anche in Italia è il numero è in aumento

Gli ultimi due anni hanno segnato la rapida espansione del lavoro ibrido, per il quale i dipendenti hanno la possibilità di dividere il proprio tempo di lavoro da casa, dalla sede aziendale e da uno spazio di coworking periferico. Ma alcune aziende stanno facendo un ulteriore passo avanti e hanno abbracciato pienamente l'idea di WFA (Work From Anywhere). Hanno riconosciuto che i loro dipendenti possono davvero lavorare da ogni luogo: tutto ciò di cui hanno bisogno è Wi-Fi e un laptop.

Uno studio del 2020 di MBO Partners ha rilevato che quasi 11 milioni di lavoratori americani si considerano nomadi digitali – rispetto ai 4,8 milioni del 2018 – mentre 17 milioni aspirano a diventare “location independent” nei prossimi anni. Anche in Italia è un fenomeno in veloce diffusione: secondo un’analisi di Volagratis.com il nomadismo digitale è già stato scelto dall’8,4% degli italiani ed il 64% è attratto dall’idea.

Sebbene in precedenza fosse uno stile di vita riservato solo a liberi professionisti e blogger di viaggio, il rapporto mostra anche che il numero di nomadi digitali impiegati in ruoli considerati tradizionali a tempo pieno è aumentato notevolmente, da 3,2 milioni nel 2019 a 6,3 milioni nel 2020.

Ciò ha portato grandi aziende come Spotify, Twitter e Salesforce ad annunciare che i propri dipendenti possono lavorare in remoto come opzione permanente. Il modello Work From Anywhere di Spotify non solo consente ai suoi dipendenti di scegliere il paese e la città in cui lavorano, ma fornirà anche l'abbonamento allo spazio di coworking per tutti i suoi dipendenti.

La crescita di spazi di lavoro flessibili coadiuva quindi questa nuova tendenza e aiuta a spiegare la straordinaria ascesa dei nomadi digitali.

Diventa così importante che le aziende che desiderano attrarre e trattenere talenti nel nuovo mondo del lavoro adattino le proprie attività alla comunità dei nomadi digitali. Ecco alcuni suggerimenti su come soddisfare le loro esigenze.

1. Introdurre politiche di lavoro adeguate

A differenza dei dipendenti che si stabiliscono all'interno e intorno a un luogo, i nomadi digitali viaggiano, quindi è importante disporre di politiche adeguate. Le aziende devono considerare i rischi normativi e legali derivanti dall'avere dipendenti che lavorano viaggiando attraverso paesi diversi. Lo studio legale statunitense Littler ha compilato un rapporto che analizza alcune delle questioni legali relative ai dipendenti che lavorano mentre viaggiano.

2. Lavorare in zone con fusi orari simili

Lavorare in fusi orari simili alla sede centrale significherà che i team remoti "in viaggio" saranno raggiungibili entro l'orario lavorativo standard. "Per mantenere la produttività e una comunicazione efficace, è necessario stabilire linee guida chiare sulle disponibilità", afferma Janelle Owens, Direttore delle Risorse Umane di Test Prep Insight per Ivy Exec.:"Per noi, questo significa che i dipendenti all'estero devono essere connessi per almeno quattro ore contemporaneamente al nostro team sulla costa occidentale degli Stati Uniti".

3. Garantire l'accesso a Internet sicuro e affidabile

In alcuni paesi, la connessione Internet è troppo debole e questo rappresenta un problema per la comunità dei nomadi digitali. Molte aziende hanno risolto la questione fornendo accesso ad uno spazio di coworking professionale nel quale è possibile trovare un Wi-Fi sicuro, protetto e affidabile da cui lavorare.

L'ascesa dei nomadi digitali riflette quindi il più ampio passaggio a livello mondiale verso il lavoro ibrido, con un numero crescente di aziende che fanno un ulteriore passo avanti nel modello, consentendo ai propri dipendenti di lavorare da qualsiasi luogo. E con il 90% dei nomadi digitali più felici del proprio lavoro e con un altro studio che mostra che il 13% è più produttivo rispetto ai colleghi in ufficio, anche le aziende sono destinate a trarre vantaggio dal cambiamento.

1. discover more

Tag

1. discover more

Letture
consigliate