La tecnologia come opportunità di crescita

  • 13.06.2017
  • In Community we Trust
  • Francesca Zuffi

a tutte le età

Spontanea, fresca ed essenziale, Valeria Cagnina batte tutti i record, anche quelli della semplicità! Classe 2001, appassionata di robotica, curiosa scopritrice del mondo (è la più giovane travel blogger d’Italia), Valeria non si ferma davanti a nulla. A 11 anni ha costruito da sola il suo primo robot, guardano i video in inglese su youtube, a 14 anni è stata speaker al TEDxMilanoWomen, è Digital Champion di Alessandria, co-Champion del Coderdojo Alessandria e nominata una delle 100 donne in Italia che contano nel digitale.

Ho intervistato Valeria via Skype qualche settimana fa a seguito del convegno di inTribe "Le professioni del futuro" dove ha fatto da presentatrice, e dalla chiacchierata ho potuto sapere molte più informazioni su di lei e apprezzare la sua maturità ed intraprendenza, ma soprattutto l’ottimismo e l’energia contagiosa con cui guarda alla vita. Tante sono le passioni che la motivano, non solo la tecnologia: Valeria pratica ed insegna ginnastica ritmica, dipinge, ed è animatrice in oratorio. Ed ha solo 16 anni!

L’amore per la tecnologia è nato durante un evento per ragazzi dedicato alla programmazione: “quando avevo 11 anni sono stata al Coderdojo di Milano, ho visto un sacco di cose sul coding e mi ha colpita una pianta digitale che aveva un funzionamento molto semplice, a pochi interessava, ma a me è piaciuta subito. Rilevava temperatura, umidità e voci all’interno di una stanza. Così ho acquistato un kit di Arduino e, guardando i video in inglese su Youtube, ho costruito il mio primo robot”.


IL BELLO DELLA RETE


Uso il web solo quando serve, mica sempre. Come con la corrente elettrica”, Valeria è sicuramente una rappresentante della Generazione Z e ha un rapporto privilegiato con il mondo digitale, ma mi incuriosisce sapere come si approccia alla rete una ragazza così giovane. E, a questo punto dell’intervista, mi innamoro del suo lucido pragmatismo. “Fin da piccola ho sempre avuto accesso a internet senza nessun problema, perchè non cambia molto il modo di comportarti che hai in rete rispetto al mondo reale. La cosa bella poi è che su internet basta un click e blocchi qualsiasi pericolo. Internet è una sorgente meravigliosa dove puoi trovare tanti strumenti per costruire il tuo futuro”. Valeria considera la vita virtuale proprio come un’estensione digitale di quella reale, un modo per allargare i propri orizzonti e il proprio network relazionale “un valore fondamentale è fare rete con gli altri per trovare insieme modalità di collaborazione. Ormai le vite sono collegate, anche le relazioni possono nascere nel mondo digitale o viceversa”.


IL PRIMO ROBOT A 11 ANNI


Mi piace pensare a Valeria come a un moderno Prometeo, uscito dalla penna di Mary Shelley, e capace di dare vita agli oggetti e le chiedo come si è sentita quando il suo primo robot si è animato. “All’inizio mi sembrava una cosa molto difficile da fare, ho bruciato un sacco di componenti, non riuscivo a capire bene i video perchè non sapevo bene l’inglese, ma poi piano piano sono riuscita a costruire il mio robot. La prima volta che l’ho visto muoversi è stata un’emozione pazzesca, ma quello è stato solo uno step per fare le cose meglio. Da allora ho realizzato già tre robot, il terzo all’MIT di Boston durante un summercamp, dove ho anche aiutato a sviluppare un nuovo modo per insegnare ai ragazzi delle scuole superiori”.


TECNOLOGIA, UN’OPPORTUNITA’ O UN OSTACOLO?


Sta dando sicuramente tantissime opportunità! I robot non ruberanno il lavoro, ma sostituiranno le persone solo per i compiti più automatizzati, meccanici, ripetitivi e questo è un bene. A noi resteranno lavori più creativi e strategici. Non ci sarà spazio per i lavori noiosi”. Per Valeria la tecnologia è uno strumento utile a tutte le età. Ai più giovani, suoi coetanei, consiglia di “trovare la propria passione e seguirla, formandosi su quello che gli piace. I social non sono solo un modo per giocare e scherzare, ma possono essere usati per imparare qualcosa. Io con Facebook ho intervistato Luca Parmitano mentre era nello spazio”. E alle persone più mature, che vogliono avvicinarsi al digital, ma che pensano di non avere più l’età, invece, dice che “non è mai troppo tardi, nel futuro non si smetterà mai di imparare e di formarsi. L’online offre tantissimo da questo punto di vista, ci sono molti tutorial che insegnano ad avventurarsi in questo mondo. La cosa fondamentale è imparare bene l’inglese per uscire da una realtà più ristretta come il proprio paese e l’Italia”.


IL FUTURO?


Mi ritrovo a chiederle come si comporterebbe se fosse il capo di una grande azienda. E qui, ancora, mi stupisce, per il focus che mette sulle persone, sui loro bisogni “Se fossi un capo, vorrei parlare con i miei collaboratori e scoprire le loro esigenze e creare un ambiente in cui è piacevole stare. Così sarebbero più felici e più produttivi”. È giunto il fatidico momento di scoprire cosa vorrebbe fare lei, da grande, quale è il suo sogno. “Mi piacerebbe riuscire a creare un’azienda nel campo della formazione che proponga un metodo innovativo per insegnare attraverso la tecnologia e la robotica, però non ho ancora le idee molto chiare”. Di sicuro sappiamo che non si porrà limiti per realizzarla!

Francesca Zuffi

1. discover more

Tag

1. discover more

Letture
consigliate

Compila il seguente form per scaricare il materiale informativo.

I dati forniti vengono utilizzati esclusivamente per rispondere alle richieste inoltrate. Informazioni dettagliate, anche in ordine al suo diritto di accesso e agli altri suoi diritti, sono riportate nella nostra Privacy Policy.

CHIUDI