Outsourcing: la ripresa post Covid passa anche da qui

SCARICA ARTICOLO

La crisi attuale ha cambiato i paradigmi del mondo del lavoro.

Le imprese si devono trasformare e devono sviluppare nuove strategie: collaborare con partner esterni può essere la chiave per ridurre costi, migliorare la produttività e aumentare l’efficienza.

Ecco alcuni casi virtuosi.

I momenti di crisi sono sempre quelli che portano ai cambiamenti più grandi, perché richiedono ripensamenti, riorganizzazioni e nuove soluzioni.

La crisi, infatti, “obbliga” le imprese a reinventarsi, a innovare velocemente, a digitalizzarsi per non soccombere; le imprese si ritrovano così a dover svolgere sempre più attività diverse, molte delle quali superano i confini delle proprie competenze.


Prendiamo per esempio uno studio di architettura che deve far lavorare da remoto alcuni dei suoi dipendenti.


Chi, all’interno dell’azienda, si potrebbe occupare delle attivazioni tecnologiche necessarie per lo smart working?


È probabile che la società non abbia un reparto IT che possa avviare il sistema e magari fare assistenza.


O ancora, prendiamo ad esempio un’azienda italiana che fino a prima della crisi vendesse principalmente attraverso il canale fisico del negozio: moltissimi sono i casi di imprese che in questi mesi hanno dovuto creare da zero una piattaforma per l’e-commerce e che la dovranno mantenere attiva anche nei mesi a venire.


Ma come fare se non si hanno le competenze tecniche o anche solo il tempo necessario? Assumere una persona o affidarsi a una società esterna specializzata?

 

Ecco perché i problemi di tempo e di risorse (non solo finanziarie) possono essere facilmente risolti con l’outsourcing.


Outsourcing, che viene tradotto in italiano con esternalizzazione, è un termine che sta ad indicare ilricorrere ad altre imprese per lo svolgimento di alcuni servizi o fasi del proprio processo produttivo.


Ricorrere stabilmente a fornitori esterni per la gestione operativa di una o più funzioni aziendali può diventare una scelta strategica importante per le aziende, soprattutto in questo periodo di ripresa.



 

Una crisi, tante opportunità


 

La crisi di oggi, insomma, impone un ripensamento delle strategie e del modo in cui si lavora.


Esternalizzare una parte del proprio processo può sembrare una perdita di controllo.


In realtà, scegliendo il partner giusto, le performance di un’azienda possono solo migliorare, facendo diminuire i costi.


Per noi, che siamo un’agenzia di comunicazione a cui vengono affidate le attività esternalizzate dalle aziende, questo è un periodo molto intenso” racconta Marzio Allocco, founder e CEO di Involucra, con sede a Copernico Garibaldi, a Torino.


L’emergenza impone la riorganizzazione, e con la maggior parte del personale impegnato ad affrontare la crisi, affidarsi all’esterno per gestire alcune attività può essere davvero l’unico modo per sopravvivere.


Siamo nella fase della comunicazione d’emergenza, abbiamo sviluppato nuove attività che abbiamo sintetizzato nel brand Rent Marketing: si tratta di attività di marketing, di vendita, di design e di sviluppo, pensate specificatamente per questa situazione, e possiamo applicarle in fretta ed efficacemente in base alle esigenze dei nostri clienti, perché mettiamo a disposizione un team che può ideare e mettere in pratica un piano marketing a 360°” spiega Allocco.



homer simpson GIF




Outsourcing: quando farlo


 

L’outsourcing è un’attività da considerare sempre, non solo nei periodi di emergenza.


Si rivela infatti una pratica efficace anche in situazioni di normalità, perché affidare a terzi una o più attività – anche solo per un certo periodo – può avere diversi vantaggi e garantire un approccio integrato, personalizzato, efficiente e spesso anche costi più contenuti.



In Landoor dall’anno scorso esternalizziamo i servizi IT, mentre all’interno teniamo la parte gestionale, amministrativa e HR. Questo ci permette di mantenere costi competitivi e controllabili nel tempo” racconta Adele Nardulli, founder e CEO di Landoor, società di traduzioni con sede in Copernico Centrale, a Milano.


Abbiamo calcolato che, affidandoci a partner esterni per la gestione dei servizi di assistenza e del project management IT, il risparmio è stato del 35% su base annua. Affidarsi a una realtà esterna permette anche di avere a che fare con società iper-specializzate, competenti in quel settore e con una visione del mercato più ampia. Infine, l’outsourcing riduce la necessità di usare parte del tempo lavorativo per fare formazione” conclude Nardulli.

 


 

Quali sono i vantaggi dell'outsourcing?
 

 

 

Ecco una lista di possibili vantaggi dell’outsourcing:

 


-A livello finanziario, esternalizzare le attività consente di tenere sotto controllo i costi fissi.
 

-Possibili riduzioni dei costi operativi.


-Aumenta significativamente la flessibilità e migliora la produttività interna dell’azienda perché riduce l’utilizzo di risorse e tempo per le operazioni non-core, permettendo quindi a un’impresa di concentrare i propri sforzi economici e organizzativi nelle attività chiave in cui sono più forti.



-Consente di aumentare l’efficienza dei processi,e in alcuni casi anche di aumentare il grado di innovazione della propria offerta.


-Può risultare di grande aiuto alle startup in fase di scale up.
 

-Permette di focalizzarsi sulla crescita della tua azienda.


-Aiuta anche le pmi a rimanere competitive sul mercato.

 


 

Quali sono le categorie in cui fare outsourcing?

 

 

 

Le funzioni che possono riguardare l’outsourcing sono le più svariate.

 

Nel caso di Procurami, Copernico ha creato una suite di servizi a valore aggiunto da produrre in outsourcing, che offre prodotti/servizi selezionati da un team di specialisti e “pronti all’uso”.
 

I servizi che è possibile esternalizzare in Copernico sono, ad esempio: RSPP, medicina del lavoro, lo sviluppo di progetti di smart working, infrastruttura di rete, VPN, supporto IT, la personalizzazione dell’ufficio, e tanti altri servizi.

 

Un’azienda deve avere la capacità di riconoscere cosa deve esternalizzare, e poi affidarsi a specialisti che possano aiutarlo e farlo crescere.

 

 


Ecco come trovare i partner giusti


 

 

Quando si decide di esternalizzare un’attività, la scelta del partner giusto diventa cruciale.


Come trovare la società o il professionista che possa andare incontro alle specifiche esigenze della mia impresa?


Una possibilità è affidarsi a una realtà che possa aiutare nella scelta.


Copernico ad esempio può far leva sulla propria storia di organizzazione che facilita la crescita dei propri clienti, una community di aziende e professionisti variegata, attraverso occasioni di confronto e “matching” formali e informali.

 

xchange cmcxchange cmc
cmc tortona aperitivo communitycmc tortona aperitivo community
cmi isola aperitivo communitycmi isola aperitivo community
cmc terrazzo aperitivocmc terrazzo aperitivo
cena con delitto btwcena con delitto btw
xchange community cmcxchange community cmc

Una pratica già attiva da tempo – ma ora digitalizzata e istituzionalizzata – che si dimostra anche capace di creare nuove occasioni di business.


E’ proprio grazie a Copernico che abbiamo conosciuto Instilla, la società alla quale ci affidiamo per tutte le nostre attività di digital marketing”, spiega Nardulli.

 

Costi, flessibilità, know-how: affidarsi all’outsourcing nel momento di crisi consente di rimanere competitivi.

 


Darsi la possibilità di esternalizzare e permette di crescere più velocemente.